“La meditazione non è yoga!”

Per quanto siamo abituati a pensare allo yoga come una serie di esercizi di stretching, in realtà è un impianto molto più complesso che comprende esercizi di meditazione profonda, da praticare ad occhi chiusi. Tradizionalmente lo yoga è considerato uno stato della mente più che un esercizio per il corpo.
Il riferimento principale di questa antica scienza della vita sono gli Yoga Sutra di Patanjali, 195 brevi aforismi. Il secondo sutra definisce lo Yoga
yogash chitta-vritti-nirodhah” che possiamo tradurre con “Lo yoga è la cessazione dell’identificazione con le attività della mente”.

Patanjali descrive tutti gli aspetti dello yoga, divisi in  yamas e niyamas. Leggi questo articolo di Marco Arjuna su Yama e Niyama.

Le ultime quattro membra (pratyahara, dharana, dhyana e samadhi) riguardano la meditazione.  Pratyahara è la preparazione della mente alla calma: quando i sensi sono attivi siamo rivolti al mondo esterno. Ci sono diversi metodi per il ritiro dei sensi, concentrando la mente. La ripetizione di canti e mantra aiuta a ritrarsi dal mondo esterno per riposare nel nostro mondo interiore.

Continua a leggere “La meditazione non è yoga!”

Yoga in Stanza di Sale

La metafora della stanza di sale: cambiare prospettiva.

Le abitudini, anche quelle che sembrano innocue come andare a una classe yoga, nascondono il pericolo di farci perdere di vista l’obiettivo e la motivazione.

Non si tratta di cercare una prestazione fisica, ma di usare la pratica per favorire  una più attenta e profonda respirazione. Attraverso il respiro cambiamo prospettiva, diventiamo più consapevoli del modo in cui eseguiamo le posture e iniziamo a vedere i nostri schemi mentali. La consapevolezza, allenata, ci permette di individuare e abbandonare gli schemi che non sono funzionali per noi. Continua a leggere Yoga in Stanza di Sale