Vasanta Navaratri 2018

Durga Devi: rimozione delle miserie della vita

Om Mata ▿ Om Kali ▾ Durga Devi ▿ Namo Namaha
Shakti Kundalini Jagadumbe Mata

Intorno agli equinozi di primavera e autunno si celebra la Madre Divina nelle festività di Chaitra o Vasantha Navaratri . “Nava-ratri” significa letteralmente “nove notti”. Si osserva questa festività due volte l’anno in concomitanza con gli equinozi, all’inizio dell’estate e di nuovo all’inizio dell’inverno.

In molte tradizioni queste due fasi dell’anno corrispondono a festività di vario tipo. Sono occasioni di ringraziare il potere divino che mantiene in equilibrio dinamico i cambiamenti nella natura e dell’universo.
In queste fasi, anche i corpi e le menti delle persone subiscono un cambiamento considerevole, quindi invochiamo il potere divino che ci sostiene per mantenere il nostro equilibrio fisico e mentale.

Il significato di Navratri

Durante Navaratri, invochiamo le qualità divina nella forma della madre universale, nota come “Durga”, che letteralmente significa: rimozione delle miserie della vita. Anche chiamata “Devi” (dea) o “Shakti” (energia/potere).

È questa energia, che contribuisce al lavoro di creazione, conservazione e distruzione. Si può dire che il Divino è immobile e assolutamente immutabile mentre la Divina Madre Durga fa tutto. In effetti il culto dalla Shakti riconferma la teoria scientifica secondo cui l’energia è imperitura, non può essere creata o distrutta, è sempre lì.

Le prime tre notti sono dedicate a Durga, lei offre le sue benedizioni e la sua protezione, distrugge ostacoli e blocchi. Le tre notti successive sono quelle di Lakshmi, che offre bellezza, purezza, armonia, grazia e abbondanza. Le ultime tre notti sono quelle di Saraswati, che governa le arti e le scienze e dispensa creatività e saggezza.

È un momento di grande auspicio per evocare la presenza di queste energie nelle nostre vite attraverso mantra e pooja. Un periodo di purificazione che merita di essere celebrato, in cui è bene astenersi da cibi tamasici e dedicare un po’ più di tempo alla nostra sadhana.

Share this post

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su print
Condividi su email