Hanumanasana

Una volta al mese ti propongo una sessione intensiva per preparare il corpo ad una posizione che, nella sua piena espressione, è la spaccata in avanti, una posa impegnativa che rappresenta la posa di Hanuman.

masterclass sabato 23 maggio dalle 15 alle 17
ingresso 20,00€
PayPal
RICHIESTA DATI BONIFICO

 

La storia di Hanuman inizia molto prima di questa famosa storia. In realtà era nato Anjaneya, figlio di Anjana, una donna mortale, e Vaju, il dio del vento, quindi era per metà umano, per metà dio. Era un giovane problematico, tuttavia, e un giorno fu fatalmente colpito dal dio del sole, Surya, a causa della sua malvagità. La furia di Vayu per le azioni di Surya gli fece respirare profondamente, minacciando tutta l’umanità. Per placare Vayu, gli dei si compromisero e Anjaneya fu restituito come Hanuman, ma non fu in grado di ricordare pienamente la propria divinità.

Hanuman fu allontanato da sua madre e affidato alle cure di Sugriva, il re delle scimmie. Hanuman ha preso la forma di una scimmia per andare d’accordo con la sua famiglia. 

Un giorno incontrò il re Rama, che prese subito a piacergli. Poco dopo Ravana decise di conquistare il regno di Ram e rapire Sita. Quando lo fece, Ram non riuscì a salvare Sita perché doveva difendere il suo regno, così mandò il suo fidato amico Hanuman a salvarla.

Hanuman aveva il super potere di essere in grado di fare passi da gigante. È spesso raffigurato volare in una posizione simile a spaccature. Hanuman ha usato il suo potere soprannaturale per localizzare Sita che è stata tenuta prigioniera nel regno di Ravana. Tuttavia, Sita ha rifiutato di lasciare che Hanuman la portasse a casa. Imperterrito, l’intelligente dio-scimmia costruì un ponte tra l’India e lo Sri Lanka lanciando con cura pietre nell’oceano. Sostenuto dal ponte di Hanuman, Ram e il suo esercito sono stati in grado di sconfiggere eroicamente le forze del male e riunirsi a Sita.

Questa storia indù è ricca di simbolismo. Hanuman è un’incarnazione di Shiva che simboleggia la coscienza universale o il campo unificato di energia che è tutto. Sita simboleggia il divino femminile e la natura della realtà materiale (il mondo intorno a te). Ram simboleggia il divino maschile e la ricerca della realtà della spiritualità. Il male Ravana simboleggia l’ego e il ponte costruito da Hanuman è il simbolo delle pratiche yoga.

Una lezione della leggenda di Hanuman è che i nostri corpi e le nostre pratiche yoga (il ponte, nella nostra storia) sono per natura intrisi di quell’intelligenza intrinseca che fa crescere tutte le cose (Hanuman). Se ci avviciniamo a queste pratiche spinti dal fuoco del desiderio di manifestare il nostro più alto potenziale (Ram), allora ricordiamo la vera natura transitoria della realtà materiale (Sita) e sviluppiamo una relazione sana e consapevole con l’ego (Ravana).

Come yogi su questa strada, la nostra è una danza di Sita e Ram, di vedere il divino nelle cose di tutti i giorni. Restiamo fedeli alle pratiche che collegano e alla fine fondono il nostro mondo spirituale e le nostre vite quotidiane.

La posa di Hanuman è un invito a ricollegarsi al nostro cuore coraggioso e devoto. Come ogni buona storia di riunione e ritorno a casa, questa posa spesso implica un viaggio dedicato e coraggioso. Il ponte delle nostre pratiche è attraversato un passo alla volta, mettendo un piede di fronte all’altro.