Kalari Pothara

Kalari, realizzazione e integrazione attraverso il corpo

Kalari è il nome del tempio consacrato e il nome breve per la pratica di Kalarippayatu – una delle più antiche forme d’arte vivente indiane. Kalarippayatu (kah-lah-ree-pay-yah-too) è spesso indicato come un’arte marziale per il suo sistema di pratica delle armi, ed è stato insegnato per migliaia di anni in Kerala, in India, tracciando il suo lignaggio con Paramasura – il leggendario capo divino da cui discesero i ventuno maestri di Kalari, persino Drona del mitico Mahabharata.

Kalari significa letteralmente “un luogo di apprendimento”. Nella cultura malayam, il posto in cui si apprende la danza Kathakali è un Kathakali Kalari. Kalarippayatu è il “luogo di ppayatu” o “raffinamento personale attraverso le fasi successive dell’apprendimento”.

Tradizionalmente, Kalarippayatu serviva da addestramento di base per tutti nel villaggio; giovani uomini e donne addestrati al Kalari non come un’arte marziale ma come un meyyabhayasam o “arte del corpo”.

Gli studenti di Kalari iniziano la loro pratica incarnata imparando meybhasa – calci oscillanti che si spostano da est a ovest in un flusso continuo che emerge e termina in posizioni di Vaidavus o Kalari. Gli otto calci scorrono in avanti, lateralmente, attorno al corpo, girano e scorrono da terra per sollevarsi e infine girare in una curva circolare che scorre indietro.

Le otto posture o vaidavus primarie di Kalari prendono il nome da animali vissuti in mudra sharira, o forme contenenti energia concentrata che risveglia l’energia invocata dalla particolare forma:

  • Gajavadivu (posa dell’elefante)
  • Simhavadivu (leone)
  • Varahavadivu (cinghiale)
  • Sarpavadivu (serpente)
  • Marjaravadivu (gatto)
  • Kukkuvadivu (gallo)
  • Matsyavadivu (pesce)

Questi mudra sharira si ripetono attraverso la pratica fino a quando gli abhyasi (praticanti di Kalari) diventano un tutt’uno con il vadivu di un leone o serpente come emanazione del loro spirito incarnato. L’energia interiore prende vita, si risveglia e si stabilizza attraverso nabhi mula o “radice dell’energia dell’ombelico;” nello Yoga, è la stessa energia attivata in uddiyana bandha.

Nabhi mula è l’attivazione di samana vayu che attira energia nel nucleo per portare equilibrio non solo al corpo ma alla mente interiore. Questa è l’importanza del lavoro con i piedi e degli esercizi preliminari per le gambe perché aiutano una persona a trovare il proprio centro interno attraverso il corpo esterno. Una persona si bilancia all’interno del flusso percependo come può muoversi nello spazio con il minimo sforzo e il flusso massimo, mantenendo sempre l’energia nel suo centro.

Il potere e la connessione primordiale con la Shakti emana, visivamente e visceralmente, dallo spazio e dal movimento. Il potere di Kalarippayat deriva dalla sua intenzione come metodo di realizzazione e integrazione attraverso il corpo.

L’intenzione di un praticante di Kalari è lo stesso orientamento con studenti seri e maestri di musica classica indiana, danza o scultura. La loro dedizione, pratica e amore per la loro arte diventa un percorso o yoga verso l’integrazione divina. Ogni cosa in cui metti il cuore può diventare un veicolo per la realizzazione.

Questo si riferisce a Kalari come un meyyabhayasam o body art, inteso come un sistema di raffinamento. È per questo che studio Kalari come una forma d’arte incarnata e come parte della mia pratica Yoga. Sento una connessione circolare con la pratica del Kalari che risveglia, genera, canalizza e allinea la mia energia interiore con Pranashakti, la più grande corrente della vita, il potere che scorre attraverso tutti noi.

I Maestri custodi del Kalari, naturalmente e con umiltà, modellano l’essenza regale di Vira Bhav – la potenza di un guerriero al servizio della vita.

Share this post

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su print
Condividi su email