water-102952_1280

Shank prakshalana

Shank prakshalana è una delle tecniche di pulizia profonda, dello stesso gruppo della pulizia dei seni nasali che trovi qui.Preparazione alla pratica di purificazione:

• Abiti comodi e possibilmente chiari
• Non fate colazione, la pratica inizia al mattino presto appena svegli.
• Preparate 3/4 litri di acqua intiepidendola a 38° con 1 cucchiaino di sale integrale per ogni litro d’acqua.
• *pressione alta: chiedere al medico se usare un sale dietetico*
• Il sale non viene digerito, attraversa il sistema digestivo lavandolo e scioglie le feci per farle transitare rapidamente.

Precauzioni

• Bagno sempre libero e vicino
• Temperatura dell’acqua costante per tutto il trattamento.
• Acqua fredda causa dolori allo stomaco, acqua troppo calda causa vomito

Come si esegue

Bere a sorsi, lentamente e ininterrottamente, la soluzione di acqua salata. Dopo ogni bicchiere d’acqua praticate i seguenti 5 esercizi yoga:

  • Braccia parallele oltre la testa, inspiro allungo a dx, espiro allungo a sx
  • Braccia in linea con le spalle, inspiro torsione a dx, espiro torsione a sx
  • Coccodrillo con torsione (guardo tallone opposto)
  • Matsyendrasana dinamica (inspiro in torsione, espiro torno)Dopo alcuni bicchieri d’acqua si avvertono movimenti del tratto intestinale, proseguire con calma e continuare a bere e a fare gli esercizi e mantenere una serena concentrazione e attenzione alla pratica.

    Assecondare lo stimolo ad evacuare, interrompere ogni volta gli esercizi, poi continuate a bere e a praticare le asana. Le feci diventeranno sempre più liquide, proseguite fino a quando evacuerete solo acqua che non contenere tracce di residui solidi.

    Al termine si consiglia un lavaggio nasale per prevenire il mal di testa.

    A questo punto stendetevi comodi, avvolti in una copertina a riposare senza addormentarvi e senza fare nulla. Semplicemente riposate e concentrate la vostra attenzione sul respiro e rimanete a riposo per circa un’ora.

    Dopo il riposo si può mangiare.

    Assecondate il vostro corpo, mangiate quando avrete fame, non preoccupatevi di quanto tempo sia passato, l’importante è che non iniziate a mangiare prima di aver finito tutti i passaggi compreso il riposo.

    Iniziate a mangiare alimenti liquidi, ad esempio latte di riso

    Quando riprenderete a mangiare alimenti solidi mangiate poco per volta e lentamente. Cibi molto semplici, non conditi e non fritti, al massimo usate poco burro chiarificato – alcune spezie e pochissimo sale marino integrale, prediligendo il riso basmati.

    Per 7 giorni mangiate leggero e in bianco, prediligendo riso basmati. Per il mese successivo mangiate poca verdura e frutta crude; evitate caffè, the, saccarosio (che vi consiglio comunque di evitare il più possibile sempre) alcolici e latticini per circa un mese; riducete il consumo di carni. Mangiate in quantità non eccessiva e sempre cose cucinate in modo semplice;

    Se soffrite di stitichezza o di problemi gastrointestinali in genere o di emorroidi, di bere da 1 a 5 bicchieri di acqua (non salata) a temperatura ambiente al mattino appena svegli a cui farete seguire le asana usate per il shank prakshalana. Questa pratica è estremamente utile per mantenere le feci morbide e per stimolare in modo naturale la peristalsi.

Share this post

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su print
Condividi su email