Festa del Benessere Olistico a Brembate, parco di Villa Tasca

Seconda edizione per la festa del Benessere in Villa Tasca a Brembate.

LOCANDINA FESTA BEN-ESSERE 2016 (25.5)-1
Festa del Benessere a Brembate in villa tasca – edizione 2016

Discipline olistiche, conferenze, esibizioni, pratiche per la cura di corpo, mente e spirito.

Yoga tutto il giorno per bambini e adulti nell’area parco, a cura di Kriya Yoga Sangha.

Il programma Yoga della festa su Eventi Yoga

Yoga in Villa Tasca a Brembate

dal 20/06 al 31/07 torna lo Yoga all’aperto
Nel Parco di villa Tasca a Brembate: un angolo di verde dedicato al benessere interiore.
(in caso di maltempo le classi si terranno nella palestra di Via Marconi – campo Oriens)

Ogni Lunedì
19.00 – 20.00

Ogni Sabato
8.30 – 9.30

Contributo 15,00€ – per ogni ciclo di 6 sessioni (diurno o serale)

iscrizioni
Ufficio Pro Loco (ritiro tessera)
martedì/mercoledì 16.00 – 18.00
sabato 10.00 – 12.00

informazioni
Biblioteca 035/4816050
Chiara 393.9713419

Caro Yoga, ti scrivo

Caro Yoga, quanto tempo è passato da quando ci siamo conosciuti. Sei stato una palestra e un laboratorio, il mio tempio, il posto sicuro in cui trovare guida e incoraggiamento a crescere.

A un certo punto sei diventato parte della mia vita, e ho visto il tuo lato oscuro. Il lavoro da fare era a volte sporco e difficile, gli insegnanti non erano superuomini come credevo e le parole, la ragione, la mente non erano abbastanza. Non avrei trovato la ricetta della felicità o un gruppo di amici, stavo scoprendo uno spazio ignoto dove le mie regole non funzionavano più. Potevo finalmente essere me, senza essere quello che credevo di me, in una prospettiva liberatoria e carica di opportunità. Continua a leggere Caro Yoga, ti scrivo

Gayatri Mantra

Il Gayatri é una preghiera rivolta all’Intelligenza Universale.
Il suo scopo é quello di accendere il potere del discernimento per permettere all’uomo di analizzarsi e di rendersi conto della sua natura divina.

GAYA vuol dire Essere e insegna la Verità, il principio della vita. E’ necessario accostarsi a questo mantra con dovuta umiltà, reverenza, fede ed amore.
La Gayatri ha anche tre nomi: Gayatri, Savitri e Saraswati.

Gayatri rappresenta i sensi, Savitri è l’energia vitale o prana, ed è il simbolo della verità. Saraswati è la dea del linguaggio e dell’insegnamento, il simbolo della chiarezza intellettuale. Continua a leggere Gayatri Mantra

Yoga, alcune basi teoriche

Yama e Niyama

Sono i principi etico-morali che accompagnano la pratica dello yoga e ne rappresentano le basi

  • Yama sono i principi dharmici di comportamento sociale (i divieti, le cose da non fare)
  • Niyama sono i principi dharmici di comportamento personale (le osservanze, le cosa da fare)

Continua a leggere Yoga, alcune basi teoriche

Yoga in Stanza di Sale

La metafora della stanza di sale: cambiare prospettiva.

Le abitudini, anche quelle che sembrano innocue come andare a una classe yoga, nascondono il pericolo di farci perdere di vista l’obiettivo e la motivazione.

Non si tratta di cercare una prestazione fisica, ma di usare la pratica per favorire  una più attenta e profonda respirazione. Attraverso il respiro cambiamo prospettiva, diventiamo più consapevoli del modo in cui eseguiamo le posture e iniziamo a vedere i nostri schemi mentali. La consapevolezza, allenata, ci permette di individuare e abbandonare gli schemi che non sono funzionali per noi. Continua a leggere Yoga in Stanza di Sale

Il Sognino

Il Sognino è il sacchetto dei buoni sogni: un amuleto per la notte che ha lo scopo di farci fare, e ricordare,  sogni buoni e sereni.

Un Mago e una fata si sono incontrati, Lei ha raccolto gli ingredienti e cuciti in un sacchettino, Lui lo ha incantato…

La magia nasce dalla buona intenzione, vera, pura. Il Sognino dorme con te, sotto il cuscino o appeso vicino alla testa.

Anice stellato, Artemisia e Pietra di Luna

I cinque corpi

Sono i kosha in sanscrito, che si può tradurre con “guaine”. Solo la più densa è fatta di materia, come noi la conosciamo; gli altri quattro sono stati di energia invisibili all’occhio fisico, ma si può facilmente percepire la loro presenza, con la giusta attenzione. Facciamo ordine, insieme.

Conosciamo il corpo fisico. Si chiama Annamaya Kosha (maya vuol dire “fatto di” e anna significa “cibo” o “materia fisica”). Attraverso lo yoga facciamo esperienza di un secondo corpo, quel campo energetico che vivifica il corpo materiale. E’ quell’elemento vitale che governa i processi biologici: respirazione, digestione, circolazione del sangue. Si chiama chi in medicina cinese e prana nello yoga. Gli antichi Egizi lo chiamavano il ka.

L’agopuntura e l’omeopatia non influenzano direttamente il corpo fisico; lavorano sulla forza vitale che lo sostiene.
I medici ortodossi in Occidente riconoscevano l’importanza della forza vitale fino fino al 1800, ma con lo sviluppo di sulfamidici e antibiotici, la loro attenzione si è progressivamente limitata al corpo fisico in sé.

Continua a leggere I cinque corpi