Una storiella dagli insegnamenti di Adi Shankaracharya ai suoi studenti sulla la vera libertà

Ho trovato questa storia per caso e la traduco qui di seguito.
▪︎▪︎▪︎
Adi Shankara camminava con i suoi studenti per le vie del mercato.

Videro un uomo che portava una mucca alla corda. Sankara chiese all’uomo di fermarsi e i discepoli si avvicinarono. “Vi insegnerò una cosa” e continuò…

Ditemi, chi è legato a chi?

I discepoli senza esitazione dissero: “Naturalmente è la mucca ad essere legata all’uomo! L’uomo è il padrone, tiene la corda. La mica deve andare dovunque lui vada. L’uomo è il padrone e la mucca è lo schiavo.

Ora, guardate”, disse Shankara e prese delle forbici dalla sua borsa e taglia la corda. La mucca fuggì e l’uomo la rincorse. 

Guardate. Chi è il padrone adesso?

disse Sankara. Alla mucca non interessa alcunché dell’uomo. La mucca sta in effetti fuggendo da lui. 

La nostra mente è la stessa cosa. Come la mucca, il groviglio di pensieri ed emozioni che ci portiamo dentro non è interessato a noi. Siamo noi ad interessarci a lui, lo teniamo insieme a noi in qualche modo. Spendiamo molta energia per cercatore di tenerlo insieme sotto il nostro controllo.

Nel momento in cui perdiamo interesse nella spazzatura che ci riempie la testa, quando ne comprendiamo la futilità, inizia a svanire. Come la mucca mucca, fugge e sparisce.

Sentirsi liberi e rilassati è una scelta! Questa è la vera libertà.

La libertà che non dipende dalle circostanze esterne è l’unica vera libertà – Paramahansa Nithyananda

Alcuni testi interessanti
Inglese: I 5 grandi lavori di Adi Shankara
Italiano: La quintessenza del Vedanta

L’Albero dello Yoga

Nel corso dei secoli i discorsi sullo yoga sono stati affrontati in modi diversi a seconda dei periodi storici, delle zone geografiche, delle influenze culturali. Se prendiamo come riferimento il sistema dell’Astanga Yoga, possiamo rintracciare in che modo le varie pratiche legate a questa disciplina hanno dato vita ai diversi percorsi evolutivi conosciuti oggi come le varie forme di yoga.
Sebbene oggi prevalga una forte diversificazione, la pratica integrale di questa disciplina riunisce tutti gli aspetti in uno stile di vita che li comprende tutti. Continua a leggere L’Albero dello Yoga

Chitra Purnima

Chitragupta è colui che cura il registro dell’Akasha

Oggi alle 17:20 (qui) saremo in Chitra Purnima

La prima luna piena del nuovo anno Vedico (nel mese di Chitra in Tamil) è nota come Chitra Purnima, un giorno propizio per rimuovere il vecchio karma, e per nuovi inizi di creazione e manifestazione. Astronomicamente si celebra Chitra Purnima quando il sole è in Ariete e la luna è nella stella luminosa Chitra, nella costellazione della bilancia.

Secondo il testo sacro Padma Purana, c’è un divino custode di nome Chiutagupta, un luogotenente di Yama, dio del Dharma e della Giusizia. È lui a tenere tracca del bene e del male di tutti sulla terra nell’eterico registro dell’Akasha, il personale diario divino di ogni individuo.

La luna piena di Chitra Purnima è perfetta per venerare Chitragupta. Invocare la sua benedizione, nutrire gli affamati e i bisognosi contribuisce ad eliminare il karma negativo dal nostro registro akashico. Continua a leggere Chitra Purnima

Il Tao della Fisica

“Per i fisici moderni, quindi, la danza di Shiva è la danza della materia subatomica. Come nella mitologia indù, essa è una danza incessante di creazione distruzione che coinvolge l’intero cosmo; è la base di tutta l’esistenza e di tutti fenomeni naturali.”

Forse sono solo figlia degli anni 80, ma con i libri ho un rapporto speciale che è un po’ come La Storia Infinita: quello che leggo, accade. O quando accade qualcosa, lo leggo. Potrebbe essere bias cognitivo?

Forse. Ma se diventa una realtà manifesta che coinvolge cose e persone fuori da me, di cosa si tratta davvero? Che sia quell’unità e di tutte le cose di tutti gli eventi, che è caratteristica dell’esperienza mistica ed è anche una delle più importanti rivelazioni della fisica moderna?

Continua a leggere Il Tao della Fisica

Durga Devi: rimozione delle miserie della vita

Om Mata ▿ Om Kali ▾ Durga Devi ▿ Namo Namaha
Shakti Kundalini Jagadumbe Mata

Intorno agli equinozi di primavera e autunno si celebra la Madre Divina nelle festività di Chaitra o Vasantha Navaratri . “Nava-ratri” significa letteralmente “nove notti”. Si osserva questa festività due volte l’anno in concomitanza con gli equinozi, all’inizio dell’estate e di nuovo all’inizio dell’inverno.

In molte tradizioni queste due fasi dell’anno corrispondono a festività di vario tipo. Sono occasioni di ringraziare il potere divino che mantiene in equilibrio dinamico i cambiamenti nella natura e dell’universo.
In queste fasi, anche i corpi e le menti delle persone subiscono un cambiamento considerevole, quindi invochiamo il potere divino che ci sostiene per mantenere il nostro equilibrio fisico e mentale. Continua a leggere Durga Devi: rimozione delle miserie della vita

Nel famoso discorso all’università di Stanford, Jobs parlava di unire i puntini:


Certamente all’epoca in cui ero al college era impossibile unire i puntini guardando il futuro.
Ma è diventato molto, molto chiaro dieci anni dopo, quando ho potuto guardare all’indietro.
Di nuovo, non è possibile unire i puntini guardando avanti; potete solo unirli guardandovi all’indietro.

Incontri

L’occasione fu un breve corso sulla Numerologia. Nel 1997 mi trovai in un seminario di tre weekend in cui “la terapeuta guida il partecipante verso una chiarezza certa in relazione al cammino personale da scoprire”. Per la prima volta nella vita pratico alcune meditazioni, e ricevo risposte importanti.
Era scattato qualcosa, che non sapevo decifrare. Al termine del percorso, ognuno di noi venne invitato a scriversi una lettera. La mia mi fu spedita due anni dopo e da allora è sopravvissuta a due traslochi, e anche se non so mai dove si trova, quando serve spunta da qualche libro o scaffale.
“[questa energia] C’è e la voglio conoscere. La voglio liberare ed imparare ad usarla, non posso più fingere che non esista. Forse è proprio questa sua enorme potenza che mi ha spaventata. Sento di dover sgrossare questa energia di tutto ciò che non le appartiene, per quanto ciò possa procurare dolore o conflitto. Non sono arrivata da nessuna parte. E’ solo l’inizio del mio viaggio.”

Continua a leggere

Chakra, loto e simbologia dell’evoluzione

I chakra sono centri che collegano il corpo fisico a quello sottile, sede della nostra energia più profonda.

Il corpo fisico e il corpo sottile (emozioni, pensieri, percezioni, stati di coscienza) formano un insieme. Questi due corpi sono collegati a livello dei chakra.

Agendo sul corpo fisico si produrrà un effetto su quello sottile e viceversa.

Uno squilibrio a livello di un chakra determina uno squilibrio d’energia nei relativi organi, o aree del corpo.

I chakra vengono assimilati al Loto, questo perché benché esso nasca da acque stagnanti e putrescenti, dà origine ad un fiore bellissimo e candido, perciò è considerato un simbolo di purezza: nato dal fango ma non macchiato da esso.

Nella simbologia indiana le acque stagnanti rappresentano il caos primordiale e il loto che da esse sorge rappresenta l’elevazione spirituale.

Ogni “loto”, ha un numero particolare di petali, un particolare Yantra (forma geometrica), un mantra ed è associato ad un elemento (tattva).

Usiamo spesso queste forme, nelle dispense per gli studenti, nei libri o articoli che scriviamo, nei nostri siti e blogs, per i volantini dei nostri corsi o eventi.

Ecco alcuni di quelli che piacciono a me^^

Simboli dei chakra in acquerello

Chakra Yantra lineari

Set di 14 simboli dei chakras, vettoriali

Collezione di 24 simboli, per tutti gli usi

Simboli dei chakra e loto, acquerello

Saggezza spirituale

Cos’è la saggezza spirituale e come si otiene?

La parola spirituale deriva chiaramente da spirito e si riferisce al centro del nostro essere, la pura Essenza.  Pratica spirituale è tutto ciò che ci aiuta a fare esperienza diretta della nostra Essenza.  Il nostro mondo tende a identificare le persone dal loro livello di educazione o posizione sociale, invece di identificarle per ciò che sono realmente.  Ed ecco perché è così difficile distinguere una persona realmente spirituale da qualcuno che si occupa di spiritualità. Avere informazioni sulla spiritualità non c’entra con essere una persona spirituale.

Continua a leggere Saggezza spirituale

Om Kali Maa!

Siamo nella parte oscura dell’anno, in cui le notti sono più lunghe dei giorni. E’ il tempo di invocare Kali, la dea nera dello Yoga, e spostare l’attenzione all’interno, dedicarsi al lavoro spirituale e allo studio di sé.

Per questo mese, le lezioni Yoga sono ispirate a Kali:
autenticità e onestà totali.

Nella tradizione yogica c’è una dea nera di nome Kali, dea della trasformazione che presiede al tempo, alla morte, al cambiamento. Una figura fiera che mostra le zanne, con la lingua fuori, i capelli in aria, gronda sangue e ha una collana di teschi e una cintura di braccia mozzate, con armi in ogni mano.

Kali rappresenta la trasformazione radicale, la ribellione, il superamenti dei limiti, la piena responsabilità, è profonda pulizia karmica. Kali è l’essenza della libertà, la forza liberatrice in noi che trasforma la paura.

Continua a leggere Om Kali Maa!

Libri di ricerca spirituale, una selezione

Il tempo passa, ma tutto torna.

Finalmente raccolgo memorie e idee intorno ad alcuni libri che hanno accompagnato la mia personale ricerca spirituale. Sempre più persone mi chiedono consigli su cosa leggere e ho pensato di metterli tutti insieme e renderli disponibili, in modo che ognuno trovi la sia ispirazione alla lettura.

Non rispecchiano alcun ordine, solo quello delle libere memorie…
Tutto torna, perché tutto è sempre stato lì. Ma solo il tempo e l’esperienza lo rivelano, poco alla volta.

Sono convinta che quello che ci attira è quello che ci appartiene, quando ancora non ne siamo consapevoli. Molti libri, anche fra questi, sono arrivati a me molto prima che fossi pronta per loro. Alcuni hanno acquisito senso solo dopo molto, moltissimo tempo.

Credo di avere una copia di Bhagavad Gita da 25 anni, una da 10 anni e una da 8 anni. E ancora non ne ho mai fatto una lettura integrale.

Ma ormai ho capito, il tempo è relativo per la Coscienza🙏

Siddharta di Herman Hesse

La Profezia di Celestino di James Redfield

La Profezia della Curandera e Negli Occhi dello Sciamano di Hernan Huarache Mamani

Una Sedia Per l’anima di Gary Zukav

Emozioni Distruttive di Daniel Goleman e Tenzin Gyatso

Magia naturale e Wicca di Scott Cunnigham

Mangia prega ama e Big Magic di Elisabeth Gilbert

L’albero dello yoga di B.K.S. Iyengar

Il nettare dello yoga di Tirumalai Krishnamacharya

Raja Yoga o Occultismo di Helena Blavatsky

Autobiografia di uno yogi di Paramhansa Yogananda

I Grandi iniziati 1 e I Grandi iniziati 2 di Edouard Shuré

Il Potere di adesso di Eckart Tolle

Bhagavad Gita Traduzione integrale dal Sanscrito e commento

Babaji, la tradizione del Kriya Yoga di M.G. Satchidananda

I Sutra del Kriya Yoga di M.G. Satchidananda